DONNE IN JUDO: ROBERTA CHYURLIA

DONNE IN JUDO: ROBERTA CHYURLIA

Pubblicato su sito EUROPEN JUDO FEDERATION 8 marzo 2021

Oggi, non solo stiamo celebrando le donne nello sport, ma una nuova serie EJU, dedicata alle donne nel judo, aprendo la strada alle generazioni future che si tratti di un allenatore, presidente, direttore o, come celebriamo specificamente oggi, un arbitro. 

Atleti, allenatori, delegazioni e spettatori riconosceranno tutti la scrupolosa e talentuosa arbitro italiana, Roberta Chyurlia, che è stata recentemente nominata per arbitrare ai Giochi Olimpici di Tokyo quest'anno, riconosciuta per la sua conoscenza e il suo processo decisionale di alto livello.

Il nostro sport può essere prevalentemente maschile, ma questo non significa certo che le donne siano meno capaci e questa donna lo dimostra. Il judo è sempre stato nella famiglia di Roberta, sua madre una judoka e ha vinto un campionato nazionale di bronzo quando era solo una bambina, il che significa che ha sempre fatto parte della sua vita. Ironia della sorte, la sua carriera di arbitro in realtà è iniziata come una sorta di scherzo, lei, insieme ai suoi amici, ha deciso di partecipare a un corso in Puglia e ha sentito che era così naturale che una volta terminata la competizione, questo è diventato il suo prossimo passo. Come alcuni sapranno, suo padre, Pasquale Tonino Chyurlia è anche un arbitro, una segreteria della Commissione arbitri IJF e Commissario arbitrale EJU in effetti! Abbiamo chiesto come fosse,

Ad essere onesti, a volte, abbi una tradizione di famiglia e mettiti in una situazione difficile; qualcuno potrebbe pensare che lo fai per tuo padre o per tua madre ma, dall'inizio, l'ho fatto per me stesso, ho sentito subito che potevo fare questo 'lavoro' in modo buono, potevo farlo a MODO MIO. Le difficoltà sono in tutto ciò che fai nella tua vita, ma il judo insegna come rialzarsi dopo una caduta e io cerco sempre di alzarmi in piedi in modo buono.

Oltre a Roberta abbiamo numerose donne in ruoli arbitrali di alto livello, la maggior parte delle quali sono state fonte di ispirazione e guida per Roberta nella sua carriera. Crede che questo abbia contribuito al suo successo, che se hai qualcuno che ti ispira, puoi spingerti a raggiungere quel modello. Continua dicendo che avendo un'idea concreta da seguire è più facile copiare e diventare di più. 

Ricordo il gruppo arbitrale dei Giochi Olimpici di Sydney (per molte ragioni, una è che erano le prime Olimpiadi per mio padre) con molto amore e rispetto. Ero molto giovane ed ero tesa per tutta la concorrenza ma li guardavo ed erano come macchine, troppo forti! Poi penso al gruppo londinese, in particolare a Cathy Mouette e Ioana Babiuc perché ho iniziato in quel periodo con la mia carriera continentale, quindi sono stati i miei modelli. Cathy, Ioana e Annamaria Fridrich mi hanno insegnato molto e ovviamente mi insegneranno di più. 

 "il judo è più di uno sport" è importante. Non solo è una capacità sportiva professionale, ma descrive i suoi colleghi e coloro che l'hanno aiutata nel suo viaggio come la sua seconda famiglia, trascorrendo così tanto tempo insieme, fantastico oltre che difficile. 

Roberta è abituata a una carriera difficile, lavorando duro a casa come avvocato penalista, dando ai criminali shidos della vita reale quando sono fuori dal tatami, quindi naturalmente ha la capacità di essere forte in situazioni difficili in cui molte donne possono trovarsi, tuttavia, la pandemia sembra essere stato più difficile che combattere una barriera di genere nello sport ed è un partecipante del progetto IJF Gender Equity. 

Speriamo che il nostro sport ci insegni, da quando siamo bambini, che siamo uguali! Ci alleniamo insieme, soffriamo insieme, vinciamo insieme e perdiamo insieme. Penso che il judo sia davvero più di uno sport! Soprattutto per le ragazze, è davvero importante stare con i ragazzi, allenarsi insieme e "lottare" contro di loro; questo permette ad una ragazza di capire, nella vita normale, quando è veramente in pericolo, come può reagire senza panico e quando, al contrario, è solo uno scherzo e puoi gestirlo come nel dojo. È davvero utile per noi, il lavoro svolto dalla dott.ssa Lisa Allen e dal suo staff, ci fanno sentire come se non fossimo mai soli con il riconoscimento dell'equità di genere.

Ovviamente è importante riconoscere il numero crescente di donne in questo sport, incoraggiare le generazioni future e un arbitro di livello olimpico è sicuramente stimolante. Anche se dopo questo anno difficile e le restrizioni in atto, si può solo guardare a godersi l'esperienza e, come afferma Roberta, stare sul tappeto con atleti così fantastici è sempre un dono. Ma qual è stata la sua gara più memorabile? 

Sicuramente la finale di bronzo dei -60kg nel Campionato mondiale di Tokyo 2019, Giappone vs Giappone; è stato fantastico, non è successo niente fino a 18 secondi prima della fine, poi un waza-ari per il bianco e, dopo pochi secondi, waza-ari per blu e osaekomi a zero secondi. Quando sono uscito dal tappeto sono stato distrutto!

I campionati del mondo e le Olimpiadi sono ciò di cui giovani arbitri e atleti aspirano a far parte, e Roberta si è classificata tra i primi 10 per guadagnarsi il suo posto a Tokyo 2021. 

Sono davvero orgogliosa di essere tra i primi 10! Sono in un gruppo fantastico, la maggior parte di loro sono i miei modelli da quando ho visto la competizione internazionale in streaming da casa qualche anno fa, e ora ho l'opportunità di arbitrare con loro, per imparare da loro. 


Condividi:

Copyright ©2021 Judo Puglia. Tutti i Diritti Riservati. Powered by LWBProject.com